"Non siamo davvero solisti nemmeno nella nostra vita, ma la scena di un dialogo a più voci, tutte, purtroppo, forse, dello stesso valore".
( Göran Tunström )


lunedì 8 novembre 2010

metti un finocchio a cena..

Confesso che non avrei voluto scrivere di questa storia, uno dei soliti tentativi squallidi del più grande mezza tacca degli ultimi 150 anni di buttare fango addosso agli altri per far passare in secondo piano lo sporco che si ritrova addosso.
I nemici me li scelgo e proprio in virtù di questa scelta riconosco a loro una sorta di dignità: a certi altri posso concedere solo indifferenza perché per me non valgono niente e come tali li considero, è anche per questo motivo che non volevo scrivere di questo fatto.
Ho deciso di farlo perché ho ricevuto un invito a partecipare ad un'azione di dissenso attraverso un'iniziativa nata ad hoc per questo fatto.
Qualcuno di voi sa già che oltre a questo blog io ne ho un altro creato appositamente per dare voce  alla mia passione di cuoco pasticcione, LaCaloriaSolitaria, creato poco più di un anno fa dopo che già da un po' di tempo bazzicavo nel mondo dei Food blogger come semplice appassionato e sporadicamente commentatore.
Ho scoperto un mondo che non mi aspettavo che fa girare numeri enormi sotto tanti punti di vista ma dove soprattutto si instaura una sorta di complicità tra i vari blogger a seconda della sintonia: colpisce la voglia di condivisione che non è soltanto uno scambio di semplici ricette perché queste diventano un tramite per uno scambio culturale e umano che, in alcuni casi è molto profondo ed intenso.
La tipologia di persone che compongono questa categoria di blogger è piuttosto eterogenea: si va dalla casalinga con bambini al pensionato che finalmete trova il tempo di coltivare più approfonditamente la sua passione, da quelli alle prime armi con i fornelli ai professionisti della ristorazione. E' uno spaccato molto interessante della società che ha in comune la passione per il cibo e la cucina.
Da una di queste persone è partita l' iniziativa denominata "Metti un finocchio a cena - Buon appetito Mister B."
che invita tutti i food blogger e chiunque voglia partecipare a proporre per il giorno 10 novembre una ricetta con il finocchio tra gli ingredienti da usare, per esprimere simbolicamente il proprio dissenso verso questo fatto di cronaca specifico e più in generale contro un clima di omofobia che diventa sempre più intollerabile.
Io ho deciso di appoggiarlo perché parte dal basso, da quella base fatta di persone comuni che molto spesso temiamo non siano per nulla sensibili alla nostra causa. Evidentemente il limite è stato oltrepassato anche per loro. Questo post era per segnalarvi l'iniziativa, quello specifico lo pubblicherò nell'altro blog il giorno mercoledì 10 novembre 2010.



11 commenti:

  1. Spero di riuscire a ricordarlo e parteciperò anche io! Grazie per averlo detto :)

    RispondiElimina
  2. Grazie Asa_Ashel! tornerò spesso a vedere le tue opere di cuocco pasticcione, ma non solo! :-)

    RispondiElimina
  3. grazie asa_ashel, non sapevo di quest'altro tuo blog, lo seguirò!

    non so a quale categoria di food-blogger io appartenga, non sono sicuramente gay, ma sono insegnante, e ancora oggi, nel 2010, l'offesa più terribile e più diffusa fra i ragazzi adolescenti è "finocchio", e vedo con i miei occhi quanto male può fare.
    mi fa arrabbiare che niente sia cambiato, che gli stessi miei colleghi prendono la cosa sotto gamba o, peggio, dicono "ma con l'atteggiamento che ha quel ragazzo, cosa si aspetta?"

    mi fa arrabbiare soprattutto che siamo tutti sempre alla ricerca di una normalità e di un'omologazione che se a 15 anni è comprensibile a 45 non più.
    chissà se mi sarò capita...

    RispondiElimina
  4. posso condividere il tuo post su FB?

    RispondiElimina
  5. @Joshua
    Più siamo e meglio è. Ciao.
    @madama bavareisa
    benvenuta, grazie del commento e sorattutto dell'iniziativa.
    @La Gaia Celiaca
    Questo è il mio primo blog, quello dove scrivo più in generale di me benvenuta anche in questo spazio. Le definizioni sono importanti per fare chiarezza ma spesso vengono usate per discriminare dimenticandosi bellamente che una persona, chiunque di noi, è molto più complessa e sfacettata della categoria nelle quali di solito altri la incasellano. L'argomento scuola è un tassello molto importante e sovente richiama alla mente brutte esperienze in molti gay e lesbiche, non mi meraviglia quindi quello che mi scrivi sul comportamento di certi insegnanti. Se vuoi condividere questo post su facebook non c'è nessun problema, anzi, mi fa piacere. Ciao

    RispondiElimina
  6. Ormai il signor mezza tacca apre bocca solo per pronunciare insulti, che siano palesi come quelli di questa volta o celati tra i proclami di lode al proprio governo.
    Quando ho sentito questa sua nuova porcata, per pura coincidenza ti stavo scrivendo e mi è subito venuto in mente un certo discorso sull'attenzione che non meritano le cose poco importanti, che mi ha confortato nel pensiero che il miglior commento fosse il silenzio, non perché la cosa non abbia peso, ma per non distrarsi a guardare il dito invece della luna.
    Devo dire che sapere che nel mondo della scuola c'è qualcuno che si muove è di conforto, quando mi chiedo in che razza di società si troverà a vivere chi oggi è bambino.
    Ciao,
    L.

    RispondiElimina
  7. asa un dubbio.
    mi è stato segnalato che alcuni omosessuali sono statti infastiditi dalla nostra iniziativa perché abbiamo usato il termine finocchio.

    noi ci siamo ispirate direttamente all'Arcigay, e in più, avendo vari amici gay, e li vedo spesso ironizzare su tutta la fuffa linguistica usata per insultare gli omosessuali.
    l'ho sempre trovato un modo intelligente per ribaltare i meccanismi, e secondo me aiuta, per quel che si può, un ribaltamento della cultura.

    dimmi te se invece siamo state troppo "forti".

    RispondiElimina
  8. ti invito anche, domani, a leggere il post che sarà pubblicato su
    http://nemoinslumberland.splinder.com/
    so cosa scriverà, parla di scuola, ragazzi e di cos'è un pregiudizio e secondo me è un esempio di buona scuola, in cui si insegna educazione civica in modo intelligente.

    RispondiElimina
  9. @La Gaia Celiaca
    Gaia non preoccuparti, i gay sono esattamente come il resto degli italiani, hanno sempre qualcosa da ridire e si dividono su tutto, quando basterebbe semplicemente avere l'intelligenza di valutare le cose caso per caso. Io mi offendo quando sento esternare stupidaggini grosse come una casa dai vari Buttiglione e Giovanardi, tanto per fare un esempio, che magari formalmente non usano epiteti di nessun tipo ma nella sostanza esprimono delle opinioni che sono un' offesa all'intelligenza e al buon senso ma che si insinuano in modo subdolo nelle menti delle persone che, per scarsa cultura o mancanza di interesse, non approfondiscono la questione in un modo più ampio.
    Io vi appoggio in pieno coerentemente con una convinzione che esprimo da anni: parlare di gay, di omofobia, di coming out ecc, è necessario non tanto per la comunità lgbt ma per gli altri, perché fino a quando saremmo presentati come un'entità astratta senza un volto nè un nome nè una professione, gli omofobi avranno le carte facili per discriminarci.
    Ed è tanto più importante questa azione di dissenso proprio perché nasce all'infuori della comunità lgbt, da parte di persone comuni che ritengono che discriminare non sia concesso a nessuno, in particolar modo quando si prendono si mira le categorie più deboli.
    Attendo con curiosità ed interesse il post a cui accenni.

    RispondiElimina
  10. grazie per questo tuo post: quello che cerco di insegnare ogni giorno ai miei ragazzi è proprio che si deve agire, protestare, cambiare il mondo in nome dei diritti in cui si crede, e non necessariamente perché ci riguarda in prima persona...

    RispondiElimina
  11. ciao, sempre 'povna. vengo qui da te a rispondere e a ringraziarti per il tuo bel commento al mio post perché, ahimé, oggi ho dovuto rendere privato il blog - non so per quanto - per problemi di privacy con gli alunni. spero di riuscire a trovare presto una soluzione. nel frattempo, se hai un account splinder, sarò ben contenta di 'invitarti' tra i lettori del blog. a presto, spero. 'povna

    RispondiElimina

i commenti a questo blog saranno pubblicati dopo essere passati al vaglio del moderatore.