"Non siamo davvero solisti nemmeno nella nostra vita, ma la scena di un dialogo a più voci, tutte, purtroppo, forse, dello stesso valore".
( Göran Tunström )


giovedì 29 gennaio 2009

bolle



Sull' affaire Bolle è successo esattamente quello che mi aspettavo: sarebbe bastato che la stampa nazionale non strillasse ai quattro venti la notizia e sull'argomento sarebbe sceso il solito silenzio chiacchierato del "tutti sanno ma non si dice".
Io con Roberto tutto sommato non me la prendo, è figlio della cultura e della società in cui è cresciuto e come tale si adegua e si comporta. Come non pensare comunque, vista l'etichetta del gay che la gente comune cuce addosso preventivamente a qualsiasi ballerino di danza classica, che non avrebbe sconvolto più di tanto la platea.
Infastidisce l'eco che qui in Italia ha una notizia simile, o meglio, il modo con cui la si affronta, come se si trattasse di chissà quale argomento eccezionale ammantato di stranezza di cui tutti dovrebbero essere messi al corrente e, in questo, anche i media dimostrano tutto il loro provincialismo . Penso sia questo che secca maggiormente a persone come Roberto, anche se si potrebbe eccepire che, se così fosse, avrebbe tutte le occasioni per dimostrare il contrario.
Noto comunque che non ha negato di essere gay, ma di aver rilasciato un'intervista nella quale lo dichiarava. Il solito modo fumoso e contorto -se non opportunista- di lasciare una porticina aperta alle possibilità senza passare per bugiardo . Ma per queste cose ci sono altri illustri precedenti che nella stampa estera dicono di loro cose che qui in Italia non si sognerebbero mai di dichiarare.
A me in parte dispiace di tutto questo, perché un coming out da parte di personaggi amati e apprezzati dal grande pubblico per le loro qualità positive e che si contraddistinguono come persone pacate e attente, potrebbe essere solo positivo per far capire a molte persone, soprattutto quelle semplici per mancanza di orizzonti culturali, che gay non è sinonimo di male assoluto.
Ma sono convinto che, come sempre, a nessuno piaccia fare da battistrada e portabandiera o martire-volontario della situazione, non prendendo in considerazione probabilmente che un'uscita del genere, passato il primo momento di clamore mediatico, consentirebbe una libertà di movimento ed espressione fino a prima vincolata.
Che dire, forse la facilità con la quale possono espatriare e vivere altrove la loro vera vita, consente a questi personaggi di essere refrattari al desiderio di esporsi ad una causa comune.

Mi è piaciuto molto, a proposito di prese di posizione, l'intervento del cantautore Nek in chiaro contrasto con le dichiarazioni farneticanti di un suo pseudo-collega di cui si è parlato molto ultimamente nei media nazionali: a lui tutto sommato della cosa avrebbe potuto non fregare niente, ma ha dimostrato con questo che essere etero non significa essere stupidi e prendere per oro colato tutte le stronzate che certa gente vorrebbe far passare per unica e sola verità.

4 commenti:

  1. Caro, in qualche modo mi sento "tradito" da Roberto. Mi sento così perchè lui il coming-out l'ha fatto davvero, e pubblicamente, e serenamente; e trattandosi di LUI, di un dio sceso in terra, la cosa mi ha riempito di gioia per i risvolti positivi che avrebbe potuto avere. Invece poi è arrivata quell'orribile precisazione, inelegante e volgare, che non sarebbe degna nemmeno di un tronista di Maria De Filippi. Visto che aveva fatto la frittata, e l'aveva fatta in modo consapevole, cosa gli costava nella sua posizione starsene zitto? Cosa gli costava non confermare nè negare? E' questo che mi rode: perchè in Francia si e in Italia no? Perchè un comportamento del genere da parte di uno che è famoso a livello PLANETARIO e che non dovrebbe preoccuparsi di cosa pensano in questo lembo di terra bigotta ed ipocrita a forma di stivale?

    RispondiElimina
  2. Passando ad altro, di Nek mi ha sempre sconcertato l'immagine da "Sting dei poveri" che s'è cucito addosso; e mi hanno sempre entusiasmato i suoi occhi bellissimi. Dopo la tua segnalazione quegli occhi li guarderò e li ammirerò con molta più gioia!

    RispondiElimina
  3. Sono totalmente d'accordo con Gan!

    RispondiElimina
  4. Sottoscrivo il primo commento di Gan, al 100%
    (in questo periodo sto sottoscrivendo di tutto, forse sto divnetando troppo buona... ah, secondo me anche la Littiz domenica sera ci farà sapere la sua opinione in merito)
    LVMarple

    RispondiElimina

i commenti a questo blog saranno pubblicati dopo essere passati al vaglio del moderatore.